giovedì 14 aprile 2011

Risotto di farro sfizioso

Piatto semplice ma gustoso con un retro gusto insolito dato dal cardamomo, è l’ideale per un pranzo veloce in ufficio, dato che si presta ad essere trasportato in una vaschetta con facilità, è un piatto completo perché vi sono carboidrati, proteine e verdura.


Con questa ricetta partecipo al contest “ Il FARRO e le sue ricette".












Ingredienti per 4 persone:

·        400 g di farro perlato biologico
·        1 cipolla
·        70 g di pancetta affumicata in cubetti
·        15 foglie d’insalata bio (ho usato l’insalata Gentilina del mio orto)
·        1,5 l. di brodo di carne o vegetale
·        2 cucchiai di vino bianco
·        2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
·        1 baccello di cardamomo

Procedimento:

Procedo come un normale risotto: trito la cipolla, la verso in una casseruola con l’olio, faccio rosolare, aggiungo la pancetta, le foglie d’insalata tagliata a pezzi, lascio insaporire il tutto.
Dopo aver lavato il farro lo verso nel tegame e lascio tostare per 2-3 minuti.
Intanto avevo scaldato il brodo, che ora aggiungo, poco alla volta, fino a cottura del farro, aggiustare di sale se necessario.
Quasi a fine cottura aggiungo il cardamomo, che avevo spogliato del suo baccello, uso solo i semini contenuti all’interno, li metto nel mortaio, li riduco in polvere e li aggiungo al risotto di farro, (io ho versato un po’ di brodo caldo nel mortaio, in modo da utilizzare tutto il cardamomo e l’ho versato sul farro).

Curiosità:
Il cardamomo è "la regina delle spezie", in secondo luogo soltanto a pepe nero "il re delle spezie"e lo zafferano. I frutti del cardamomo sono piccoli baccelli ovali (capsule) di circa 1 cm di lunghezza, di colore verde pallido. Sono costituiti da tre alveoli interni che contengono dei piccoli semini neri.
 I semi del cardamomo hanno un tipico sapore floreale e di limone, e ricordano l'odore dell'eucalipto. Il gusto è fresco e pungente, ed esalta i piatti a base di riso, i dolci e le bevande calde.
Ottimo p
er evitare il gonfiore addominale causato da alcuni cibi, come i cavoli, i cavolfiori, i broccoli, i legumi, le verdure cotte in genere, si possono mettere alcuni semi (3 o 4,) durante la cottura dei cibi, senza che ne sia particolarmente alterato il sapore.
Un infuso di cardamomo può essere utilizzato per sciacqui per rendere gradevole l'alito, oppure masticarne qualche baccello dopo un pasto pesante, per favorire la digestione e profumare l'alito.

6 commenti:

  1. :) io adoro il farro! Lo preparo spesso e volentieri...a volte lo aggiungo all'orzo perlato......una bontà... Complimeti:piatto leggero e gustoso..

    RispondiElimina
  2. Sano, completo, veloce e gustoso...Cosa chiedere di più per una schiscetta?! Grazie per aver partecipato al contest. Un bacio

    RispondiElimina
  3. Ciao Giancarla, sono contenta di averti scoperta, allora ti aspetto al mio contest con la pasta fillo! Buona serata!

    RispondiElimina
  4. Ohh finalmente il mio amato cardamomo usato con il farro, prelevo subito il link, sappi che puoi postare quante ricette vuoi sia con la farina sia con il farro tal quale!!

    RispondiElimina

Scrivimi la tua opinione, mi interessa...